PODIO 

1° posto: USM
Al termine di una stagione lunga e faticosa come questa appena passata, è doveroso premiare tutti i giocatori, staff tecnico, società, tifosi e cuochi (n.d.r. nel ritorno Omi), per il grande impegno e per l’attaccamento alla maglia dimostrato. Il ritorno in 3a lega è stato solo sfiorato, tuttavia il secondo posto finale dimostra che la squadra c’è e che nella prossima stagione ci si potrà riprovare tutti assieme. Questo, prima che una squadra,  è un grande gruppo (v. ottima partecipazione alle varie feste), che potrà continuare a togliersi delle belle soddisfazioni anche in futuro.
A PRESTO
 

CRONACA

11.6.2011: USM - Portoghesi 2:1 (1:0)

Reti: 30' Tamò, 72' Petrovic, 82' (2:1).

Formazione (4-3-2-1):
Guerino - Gentile, Murachelli, Ballinari, Andali - Tamò (capitano), Piller, Dervishaj - Kalayapparayil, De Souza - Stojic.

Tutti i giocatori a disposizione sono subentrati in campo nel corso della partita!

40' Minotti x Gentile (inf.), 53' Gabella x Kalayapparayil, 60' Petrovic x Dervishaj,
65' Bajada x Stojc, 70' Rossi x Piller, 77' Berisha x Guerino, 90' Bionda x Tamò (inf.).

Ammonito: Minotti.
Espulso: De Souza (doppia ammonizione).


Ultima partita della stagione e dignitosa chiusura.
L'USM supera in casa i Portoghesi senza inutile furore.
Ha giocato comunque un'onesta partita. Sfida dai toni agonistici giustamente e prudenzialmente pacati; poi corretta (l'espulsione di De Souza non inficia tale considerazione).
Il Monte Carasso vince meritatamente, con un punteggio che avrebbe potuto essere anche più largo.

Dopo un palo colpito da Stojic al 25', vantaggio con il capitano Tamò (una bandiera bianconera), bravo a puntare la porta, arrivare al limite e infilare con classe: esterno impensato, portiere superato!

Simile ai primi 45', il copione della gara nella ripresa: gestita dai ragazzi di Engel.
Al 72' palla rasoterra in mezzo e Petrovic ha tutto il tempo e la tranquillità di sfoderare da pochi passi un colpo di tacco vincente per il raddoppio.

I lusitani riducono le distanze a otto minuti dal termine. Poi i bianconeri riescono a difendere il vantaggio senza grandi affanni sino alle concitate battute finali.
Il Monte Carasso si accomiata così dal proprio pubblico in modo decoroso, tenuto conto delle circostanze: la mancata promozione genera ancora rabbia e le motivazioni odierne certamente non più al diapason.

Si chiude la stagione calcistica 2010/2011. Imbattibilità interna nel girone di ritorno e secondo posto in classifica, a meno 6 punti dal Moderna, vincitore di gruppo.
Seconda miglior difesa con 24 reti al passivo. Bomber: Enea Bionda con 13 segnature.

Un grazie a tutti i giocatori, all'allenatore (tecnico competente, molto affezionato al Monte Carasso, che ha cementato il gruppo), ai dirigenti tutti, tifosi e sostenitori.

Al Ram si ripartirà ancora da mastro Sandro Engel, con rinnovato entusiasmo.

Rompete le righe! Il calcio va in vacanza.

Buone ferie.

GD