Nell'ultimo impegno del 2010, l'USM non riesce ad andare oltre ad uno scialbo pareggio contro i Portoghesi Ticino e per la prima volta in questa stagione la squadra bianconera rimane a secco di goal. Quest'oggi non è stata impresa semplice trovare i tre migliori in campo, motivo per cui si è deciso di eleggere…

1° posto "i centrali difensivi", Fabrizio Murachelli e Christian Delcò: saranno state le grandi quantità di acqua cadute dal cielo in questi giorni, ma oggi le polveri dei bianconeri erano parecchio bagnate. Nell'arco dei 90’ minuti, la formazione di Engel è infatti riuscita a rendersi pericolosa solo in un paio di occasioni e le trame di gioco sono state molto confuse. Ad influire negativamente è stata sicuramente l'espulsione di Dervishaj nella seconda metà del primo tempo. Tuttavia, non tutto è da buttare…la coppia di centrali, formata da Delcò (prima partita da titolare) e Murachelli, ha confermato di essere compatibile e grazie ad ordine tattico, senso della posizione e contrasti precisi, hanno tenuto in piedi la baracca e permesso a Guerino di portare a casa un altro shootout (il terzo in quattro partite). MURAGLIA CINESE

2° posto "i terzini", Fabio Andali e Omar Rossini: se l'USM è riuscito a portare a casa un punticino, senza per altro concedere grosse occasioni da rete agli avversari, grande merito va attribuito agli esterni difensivi. Quando è necessario non badano al sottile e fanno sentire la loro presenza agli attaccanti avversari. Potrebbero magari essere più presenti in fase offensiva, ma con la squadra ridotta in 10, decidono saggiamente di non spingersi troppo in avanti. Il buon Spazza riesce anche a spiegare al pubblico presente (in particolar modo al signore in giacca e cravatta), che conosce perfettamente il significato di caralho e che gradirebbe non sentirselo rivolgere. MAESTRI DI KARATE

3° posto Fabio Ballinari: dopo il grave infortunio subito in fase di preparazione, è stato integrato nello staff tecnico, così da poter mettere a disposizione di tutta la squadra le sue qualità umane ed esperienze. I suoi riscaldamenti prepartita entreranno nella storia, come pure le misurazioni chirurgiche degli spazi tra un conetto e l'altro. Quest'oggi ci degna della sua presenza, malgrado ieri sera abbia avuto un impegno che lo ha tenuto in piedi fino a tardi (fonti non ufficiali informano della sua presenza in Piazza del Sole, per assistere all'attraversata del Sig. Nock). Dal prossimo anno ritornerà a tutti gli effetti un giocatore (sperando che il Ginocchio Magico non colpisca ancora), ma anche in un ruolo non suo e sicuramente non facile, ha contribuito in maniera determinate alla buona stagione dell'USM. Grande Vice Mister e grazie per l'impegno da parte di tutta la squadra! BINDELLA