CRONACA

4.10.2012: USM - Melano 0:0

Formazione (4-2-3-1):
Morisoli Jarno - Giacosa (88’ Petrovic), Delcò, Morisoli Giacomo, Andali - Rossi (capitano), Morandi - Mengoni (72’ Galloro), Recce, De Angelis (51’ Ponzio) - Monighetti Luca.

A disposizione:
Guerino (portiere); Rossini; Monighetti Matteo.

Ammoniti: Andali; Delcò.


Si è giocato di giovedì l’anticipo della settima giornata.
Continua la serie positiva del Monte Carasso. Un punto sacrosanto quello ottenuto al cospetto del Melano.

Un risultato equo ma che avrebbe anche potuto avere diversa connotazione, se Mariano Recce avesse trovato la precisione nelle occasioni create. 
Ma va anche bene ai bianconeri molto disciplinati nella fase difensiva. Ricollocato per l’occasione il giovane allievo Giacomo Morisoli al centro della difesa.
 Il Monte Carasso ha giustamente optato per una partita molto attenta  (proficua organizzazione) ma non ha rinunciato a priori all’idea di raggranellare la posta piena. Una saggia occupazione degli spazi in mediana. Capitan Rossi, alla sua ultima partita dell’anno, come suo solito in campo ci ha lasciato l’anima (ha pressato anche i fili d’erba).

L’undici di casa è apparso molto più compatto, meno propenso a concedere spazi  perché i movimenti sono meglio assortiti e più puntuali.

L’USM ha avuto il merito di interpretare l’impegno con la giusta mentalità: buone chiusure e discreta vivacità nella trequarti avversaria; qualità che, alla fine, hanno regalato ai bianconeri un pari di vaglia.

Nel corso della prima frazione ha tenuto costantemente sotto pressione l’avversario.
Sul conto degli uomini del duo Monighetti&Rossini un calcio di rigore sbagliato da Recce quando correva il minuto numero 14.

L’equilibrio ha tenuto desto l’interesse.
Nel finale si sono resi pericolosi anche gli ospiti ed è stato  bravo Morisoli (decisivo e reattivo) a deviare in tuffo un’insidiosa conclusione.

Ora, però, occorre dare continuità a questo pareggio andando a vincere sul campo Vomero di Lumino.
 

 PODIO

1° posto: Giorgio Giacosa
Ha il difficile compito di difendere sul loro giocatore più forte e lo disintegra letteralmente. Veloce, preciso, cinico e cattivo...cosa si può chiedere di più ad un terzino?
Si infortuna a metà del secondo tempo, ma stringe i denti da vero guerriero e rimane in campo fino al 85esimo continuando a fare il suo, nonostante il brutto problema alla caviglia.
HIGHLANDER

2° posto: Giacomo Morisoli
Udite udite...a soli 16 anni è già un perno per la difesa bianconera. In questa serata è assolutamente perfetto in ogni suo intervento e, il pur forte attacco del Melano, non ha la possibilità di giocare palloni tranquilli. Assieme al fido Delcò (denominato anche amico dei cani) forma una barriera assolutamente impenetrabile per gli avversari di giornata.
ENFANT TERRIBLE

3° posto: Jarno Morisoli

In tutti gli interventi che compie dimostra una sicurezza smisurata, la quale si espande a macchia d'olio su tutta la squadra. Nel finale compie un intervento che non ha assolutamente niente a che fare con la 3a lega; un riflesso da felino che garantisce all'USM un punto strameritato.
CHALLANGE LEAGUE

 

CLASSIFICA CANNONIERI 

 

GIOCATORE

RETI CAMPIONATO

RETI COPPA

TOTALE

 

Mariano Recce

6

0

6

Giovanni Longo
3 0 3

Mario Mengoni

2

1

3

Luca Monighetti

2

0

2

Giorgio Giacosa

0

1

1

 

Niko Pavlinovic

0

1 1

Giuseppe Galloro

0

1 1

Autoreti

0

1

1

       

TOTALE

13

5

18