CRONACA:

16.11.2011: FC Juventus Cresciano - US Monte Carasso 0:3 (0:0)

Reti: 2' s.t. Tamò; 38' s.t. Recce; 44' s.t. Petrovic.

Formazione:
Morisoli - Murachelli, Delcò, Ballinari, Andali - Tamò (capitano), Morandi, Recce - Giacosa, De Souza - Longo.

A disposizione: Guerino (portiere).

Subentrati nel corso della partita:
16' s.t. Rossi x De Souza, 23' s.t. Gabella x Giacosa, 27' s.t. Petrovic x Longo,
32' s.t. Dervishaj x Morandi, 42' s.t. De Angelis x Recce.

Ammonito: Murachelli.

Ultimo impegno stagionale.
Al Boscone di Cresciano si recupera la 10a giornata. Vittoria doveva essere, vittoria è stata.
La compagine di Sandro Engel ha vinto, tanto da chiudere il confronto per la settima volta in undici tentativi senza subire reti.
Un segnale molto incoraggiante, che denota un'autentica padronanza del campo da parte di una squadra non esente da pecche ma già al nono successo stagionale.

Si è giocato in condizioni atmosferiche difficili: nebbia in campo, freddo intenso e pungente (non ha certo facilitato il compito delle due contendenti).

I bianconeri (stasera in rosso) conquistano la posta piena. Il Cresciano regge per i primi 45', in seguito la maggior classe del Monte Carasso ha il sopravvento.
Non si è potuto costruire bene a causa di un terreno d'erba alta e gibboso, ma i giocatori di Engel riescono a leggere le insidie del campo stesso, uscendo dalla propria metà campo con abbastanza disinvoltura.
Ha spinto, il complesso ospite, e ha pure creato, soprattutto nel primo tempo colpendo tre volte i legni della porta avversaria e sfiorando il vantaggio: Recce al 9' su punizione, Giacosa al 26' dopo azione personale e Longo al 40' su colpo di testa.

La squadra di Engel, nonostante il predominio, va al riposo in bianco.

Al rientro dagli spogliatoi Tamò decide con un'incornata delle sue. La resistenza del Cresciano è vinta.
Tutto facile per l'USM quindi? No, neanche per sogno. Perché commette l'errore di non chiudere la partita e rischia grosso di farsi raggiungere.
Il concetto è semplice: quando l'USM alza il ritmo il Cresciano va in sofferenza; appena la tensione dei bianconeri cala, i rivieraschi ne approfittano.

Dopo il vantaggio ad inizio ripresa, il Monte Carasso ha corso qualche rischio di troppo, di quelli che potevano preludere alla beffa che fortunatamente non si è materializzata, in quanto Morisoli ha sempre vigilato attentamente.

Recce raddoppia su assist di Petrovic (piazzato dal Mister esterno sinistro) al 38' s.t. con i bellinzonesi che giostravano con l'uomo in più per l'espulsione di un giocatore locale.

Definitivo 3-0 di Miladin Petrovic (abnegazione che merita un plauso del tutto particolare), che sulla respinta del portiere trova il giusto timing e la precisione.

Il primo posto? Fa piacere, ma come sempre detto a contare è il primato a fine campionato. Un obiettivo che da ieri sera appare un po' più vicino…

"Ci sono notti che non si può dormire, ci sono notti che se ti accontenti godi così così".
La cantava Ligabue in mezzo ai suoi fans.

E' un Monte Carasso che non si accontenta. E alla fine gode.

Tutti ora in … letargo.

Un sentito ringraziamento ai giocatori, allenatori e dirigenti.

Ai collaboratori, tifose/i e simpatizzanti i migliori auguri per le prossime festività.

DG

 

PODIO:

1°posto: Miladin Petrovic
Che tutti fossero fondamentali all'interno della squadra non lo scopriamo solo oggi, ma sicuramente quanto dimostrato da Milo questa sera ne è un'ulteriore conferma. Entra in campo nel momento di sbandamento più totale da parte dei bianconeri (15 minuti definiti "Le nuove comiche" da Christian Willy Delcò) e con la sua convinzione e calma olimpica rimette sulla retta via la squadra di Sandrone Engel, che da lì via riprende il controllo della gara e con altre due segnature chiude definitivamente la partita. La terza rete viene siglata proprio dal buon Milo, che con un piattone sinistro degno del suo idolo Robert Jarni, batte inesorabilmente il cerbero avversario.
IC

2° posto: Jarno Morisoli
Rispetto alle ultime uscite quest'oggi viene maggiormente sollecitato dagli avversari, ma si fa trovare sempre pronto. Nei 15 minuti delle "Nuove comiche", dove in campo si vedono dei numeri che nemmeno al Circus Nock si potrebbero immaginare (un nota di merito particolare a Manuel e al suo tentativo di stop di panza a 20 cm dal suolo), il decano Jarno si fa anche lui notare per una palla mollata sui piedi dell'attaccante ospite mentre si stava apprestando al rinvio. Fortunatamente dalla nebbia è sbucato ancora lui con il pallone e la papera non è stata tale fino in fondo. Oltre questo episodio tiene comunque a galla la squadra con parate di ottima fattura che permettono di conquistare altri punti importanti.
MAGO HOUDINI

3° posto: Buvette
Nota di merito alla buvette degli amici del Cresciano, estremamente accogliente in tutti i suoi elementi (camerieri, temperatura, eternit, ecc.). Sfortunatamente, a causa del cattivo tempo, due settimane fa la gara era stata rinviata, altrimenti avremmo potuto gustare tutti assieme un sicuramente squisito piatto di polenta e spezzatino nella splendida buvette a cielo aperto.
POLMONITE
 

CLASSIFICA CANNONIERI 

Giocatore Reti campionato Reti coppa Totale

Mariano Recce

10 (2 rigore)

0

10

Giovanni Longo

3 2 (1 rigore) 5

Visar Dervishaj

2 3 5

Wagner De Souza

3 1 4
Jacopo D'Andrea 0 3 3
Fabio Ballinari 2 0 2
Manuel Morandi 2 0 2
Andrea Tamò 1 1 2
Giorgio Giacosa 1 0 1
Miladin Petrovic 1 0

1

Enea Bionda 0

1

1
Samuele Bajada 0 1 1
Riccardo Gabella 0

1

1
       
TOTALE 25 13 38