13.4.2018: Semine – USM 4:3 (4:1)

Reti: 5’ autorete (1:0); 23’ (2:0); 28’ Pocas Ribeiro (2:1); 29’ (3.1); 32’ (4:1); 84’ Straface (4.2), 90’ Morelli (4:3).

Formazione (3-5-2):
99 Ballabeni – 19 Tuozzo, 6 Tamò (capitano), 11 Straface – 4 Bomio Pacciorini (73’ Gatti), 7 Pocas Ribeiro (77’ Lucic) , 15 Lucic (46’ Regazzoni), 21 Peric, 8 Hunkeler (46’ Bubba) – 18 Papariello (46’ Mazzei), 10 Morelli.

Ammoniti: Bubba, Morelli.

A disposizione: Guerino (portiere), Albanese.

L’anticipo della sesta giornata del girone di ritorno si gioca inusuale di venerdì.

Un’entrata in materia catastrofica (condizionata dall’autorete in apertura).

Il Monte Carasso ha sbagliato approccio al cimento, contribuendo in modo tangibile alla quaterna griffata dal Semine.

Sul fronte USM, la difesa era a tre.

Sotto accusa l’intera squadra, sbilanciata in avanti, rea di un atteggiamento troppo passivo e “molle". Senza testa e temperamento.

Logica conseguenza, il risultato sul quale si è andati alla pausa.

Monte Carasso più volitivo nella ripresa. La reazione è tardiva. Tutto rimane, così, sul filo.

Il torpore nel quale i padroni di casa sono caduti nella ripresa, ha concesso  agli ospiti di addirittura sperare in un clamoroso aggancio.