Coppa Ticino – 1/16 finale


12.10.2016: USM – Rancate (2a) 5:6 d.r. (2:2) (0:2)

Reti: 15’ p.t. (0:1); 44’ p.t. (0:2); 35’ s.t. Kaymak (1:2); 41’ s.t. Morelli (2:2).
Rigori: Mellacina; Novakovic; Bakovic.

Formazione (4-4-2):
32 Guerino – 20 Pestoni (22’ s.t. Bomio Pacciorini), 5 Raffaele Morisoli,
16 Mellacina, 2 Rossini (22’ s.t. Andali) – 12 Gatti, 8 Hunkeler (37’ s.t. Bakovic), 19 Petrovic, 14 Kaymak – 11 Morelli (capitano), 15 Novakovic.

A disposizione: Bassetti (portiere), Monighetti Luca, Togni.

Ammoniti: Hunkeler, Mellacina, Petrovic, Andali.

Ai ragazzi di Togni non è riuscita l’impresa. Monte Carasso eliminato dalla Coppa Ticino per mano del Rancate.  Comunque deve andare fiero della prestazione.

Sconfitti immeritatamente solo dopo i calci di rigore e usciti a testa alta.
Ma i bianconeri non devono disperarsi: hanno fatto tremare gli ospiti.

Sì, perché in particolare nei tempi supplementari l’USM ha creato di più degli avversari. Più determinato nell’andare a cercare il successo (anche un’asta a graziare il Rancate su conclusione di Bakovic).

Una sfida iniziata male per i padroni di casa, sotto di due reti alla pausa che avrebbero pure potuto disorientare e spalancare le porte alla classica goleada.
Poi però, grazie alle invenzioni di Kaymak e capitan Morelli, il Monte Carasso è riuscito a raddrizzare la contesa con tutte le sue forze.

Dal lato impegno la compagine di categoria inferiore non può farsi nessuna critica.

Geda